Daniele Ranzoni

(Intra, 1843 – 1889)

Ancora tredicenne frequenta l’Accademia di Brera, poi Andrea Gastaldi all’Albertina di Torino. Attorno al 1870, in un sodalizio con Tranquillo Cremona, sviluppa una pittura senza contorni, caratterizzata da colori arditi e pennellate mosse, tipica della Scapigliatura. Ospitato dai conti Greppi nel 1868 ed eletto maestro dei figli del principe Pierre Troubetzkoy nel 1873, si crea il ruolo di society painter nell’ambiente cosmopolita di Intra. Tra il 1877 e il 1879 visita l’Inghilterra, invitato da aristocratici inglesi conosciuti sul lago Maggiore. Tra il 1880 e il 1885 vive tra Milano e Intra, spesso ospite dei Pisani Dossi a Como. Nel 1885 è ricoverato all’ospedale psichiatrico di Novara, ma dipinge ancora per quattro anni. Nel 1890 Vittore Grubicy organizza una retrospettiva alla Permanente di Milano.

Nella collezione
Ritratto di Ettore Nicò - Ranzoni